Consigli a tavola: facciamo un passo indietro con il sale

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_column_text]

Rispetto a quella dei nostri antenati, l’alimentazione delle persone di oggi è completamente diversa. Soprattutto negli ultimi decenni abbiamo visto il boom dei prodotti industriali, un aumento degli zuccheri raffinati, del sale e dei grassi, per non parlare degli additivi e altre sostanze che possiamo leggere sulle etichette dei cibi che troviamo sugli scaffali del supermercato. Un cambiamento dovuto all’aumento della ricchezza pro capite e a nuovi usi e costumi.

Un cambiamento, tuttavia, che non va di pari passo con l’evoluzione della nostra specie. Il nostro organismo (il nostro intestino!) non si è ancora adattato a tutte queste novità.

Potremmo dire che la nostra alimentazione corre come la tecnologia: è così veloce e in evoluzione continua che è difficile starci dietro. Pensiamo al mondo dei social, ormai Facebook è quasi del tutto inutilizzato dai giovani ragazzi che prediligono Instagram, il quale a sua volta sta pian piano per essere spodestato dell’emergente anzi ormai affermato TikTok. Questo concetti si può riallacciare bene anche al mondo dell’alimentazione!

Un esempio:  i cereali

Pensiamo al mondo dei cereali, esso è ricco di innumerevoli rivoluzioni ingegneristiche utili a rendere le farine più funzionali per il mondo della lievitazione dei prodotti industriali. Non è un caso che la sensibilità al glutine – ormai certificata come sindrome intestinale – abbia avuto un’espansione esponenziale nel mondo umano. Infatti, a sopperire a tale disturbo, sono sempre di più i consumatori, ma anche i produttori, che vanno a ricercare i cosiddetti grani antichi, poiché più poveri di glutine e quindi meno lesivi per il nostro organismo.

Nuove abitudini

Diversa invece è la risposta che il nostro corpo ci dà davanti a dei cambiamenti autogestiti. Essi sono molto più graduali in modo tale da abituarci al cambiamento e da prendere le giuste contromisure. Pensiamo alla riduzione progressiva di zucchero nel caffè o il sale dalle pietanze e così via.

Una scelta di tendenza sulle nostre tavole è l’utilizzo più smodato delle spezie a discapito del sale che pian piano si sta riducendo. In effetti è una mossa alquanto intelligente per chi vuol tener a bada la pressione arteriosa e la ritenzione idrica, che rappresenta la capostipite della cellulite.

Il sale in eccesso, infatti, insieme al fumo e allo stress, risulta essere tra i principali fattori dell’ipertensione arteriosa. Molti si limitano ad evitare il sale sull’insalata o addirittura nell’acqua della pasta pensando così di ridurre sensibilmente la quantità di sodio. In realtà i maggiori pericoli sono rappresentati dai prodotti industriali. Purtroppo è la realtà e se vogliamo ridurre sensibilmente le quantità di sale e zuccheri aggiunti dobbiamo allontanarci dai prodotti industrializzati e prediligere quelli artigianali, a corta filiera, frutta e verdura fresca carni e pesce crudi, cereali e legumi secchi evitando i parenti trasformati.

In conclusione possiamo dire che il nostro consiglio è quello di fare un passo indietro con il sale ma due passi avanti con le spezie!

Evitare la saliera sul tavolo è una giustissima mossa, ma ancor di più è prediligere l’utilizzo delle spezie sulle nostre pietanze che doneranno una colorazione più accesa e un sapore particolare.

Nei prossimi articoli ci focalizzeremo su alcune tra le spezie più utilizzate cercando di scoprire alcune delle loro proprietà utili al nostro organismo.

 

Vuoi una piano alimentare personalizzato per le tue esigenze abbinato ai giusti esercizi fisici? Scopri il  nostro servizio Madjourney![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”full_width_background” full_screen_row_position=”middle” bg_image=”1025″ bg_position=”center center” bg_repeat=”no-repeat” parallax_bg=”true” parallax_bg_speed=”slow” scene_position=”center” text_color=”light” text_align=”left” top_padding=”40″ bottom_padding=”40″ overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_text_separator title=”Contattaci per una consulenza o per qualsiasi informazione”]

[/vc_column][/vc_row]