La solanina: sostanza tossica nei vegetali. Dove si trova e come evitare un’intossicazione?

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_column_text]

 

Il mondo vegetale è un mondo tanto affascinante quanto pericoloso. Esistono infatti migliaia di specie tra frutta e verdura dalle tonalità più svariate, dalle forme più bizzarre e dai sapori sorprendenti. Ma dietro a tutto questo paradiso botanico si nascondono delle insidie. Non stiamo parlando della pianta carnivore.

La solanina è una delle sostanze nocive più presenti nel mondo dei vegetali. Si tratta di una molecola o composto che rientra nella categoria degli alcaloidi, ovvero delle sostanze tossiche prodotte da una particolare specie botanica, le solanaceae. Le patate, melanzane,  peperoni e pomodori rientrano in questa specie. Addio dunque alla peperonata? No di certo!

È opportuno conoscere le caratteristiche di tale sostanza per evitare di incorrere inconsapevolmente in una intossicazione. Gli effetti collaterali sono dietro l’angolo e tra questi citiamo: disturbi gastro-intestinali come crampi e dissenteria, ma anche nausea e vomito fino ad effetti più a carico neurologico quali vertigini ed emicrania.

Quindi la domanda sorge spontanea: come potremmo gustarci un’ottima peperonata senza correre il rischio di passare qualche ora non attesa in bagno?

Il segreto è sicuramente quello di rispettare ed attenersi alla STAGIONALITA DEGLI ALIMENTI ed in particolar modo per gli ortaggi e tuberi sopra citati.

La STAGIONALITA infatti è davvero troppo importante per far sì che noi possiamo attingere al meglio alle componenti benefiche evitando al tempo stesso sostanze meno nobili. La natura è governata infatti da un equilibrio costante che vede buoni e cattivi in una guerra infinita gestita da un arbitro solenne.  Il clima! Esso determina la corretta maturazione dei vegetali divenendo poi commestibili per l’essere umano.

Il cibo comunica con noi, ci manda segnali aromatici e visivi, noi dobbiamo essere perspicaci nel cogliere i loro messaggi in codice. Provate ad annusare un pomodoro rosso vivo ed uno poco maturo, noterete una netta differenza. Un pomodoro verde sarà più ricco di tale sostanza alcalodie, la solanina, rispetto ad un pomodoro rosso. La patata con i germogli invece è da esaminare con attenzione. Nei germogli che fuoriescono a seguito di una prolungata conservazione è concentrata un’elevata quantità di solanina. Il nostro consiglio è quello di eliminare I germogli e una buona parte della patata sottostante. Se i germogli sono numerosi allora conviene gettare via il tubero.

Infine la melanzana ed il peperone sono anche loro ricchi di tale alcaloide.  La solanina si concentra nella buccia della melanzana e nella varietà verde (friarielli) dei secondi. Tuttavia se per i pomodori verdi e le patate germogliate c’è  un discreto rischio di intossicazione, per le melanzane ed i peperoni il rischio è minore.

Ma la solanina ha un punto debole?

Tutti potremmo pensare che la cottura ad alta temperatura possa distruggere tale sostanza, in realtà data la sua insolubilita in acqua la temperatura risulta essere piuttosto inefficace. La soluzione? Variare spesso le verdure e gli ortaggi rispettando la STAGIONALITA’ dei vegetali: risulterà il modo migliore per nutrirci al meglio senza temere la solanina.

Buona peperonata a tutti!

Vuoi una piano alimentare personalizzato per le tue esigenze abbinato ai giusti esercizi fisici? Scopri il  nostro servizio Madjourney![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”full_width_background” full_screen_row_position=”middle” bg_image=”1025″ bg_position=”center center” bg_repeat=”no-repeat” parallax_bg=”true” parallax_bg_speed=”slow” scene_position=”center” text_color=”light” text_align=”left” top_padding=”40″ bottom_padding=”40″ overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_text_separator title=”Contattaci per una consulenza o per qualsiasi informazione”]

[/vc_column][/vc_row]