Stress, sintomi e cattiva alimentazione: tutta colpa del cortisolo

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_column_text]

Lo stress e i suoi sintomi rappresentano un fattore che influisce molto sulla nostra salute, soprattutto oggi a causa di stili di vita frenetici.  Stress che ci porta spesso a mangiare di più, a rifugiarci nel comfort food per assopire le nostre frustrazioni.

Agli occhi di colui che riesce ad avere una buona gestione dello stress, questo comportamento – buttarsi sul cibo, spesso dolci e junk food – può sembrare triste, ma la realtà è che effettivamente nei soggetti predisposti si instaurano questi meccanismi che possono compromettere il nostro benessere.

Ed è qui che il concetto di salute emerge in maniera preponderante. Tutti ormai sappiamo che l’ormone dello stress ha un nome, il CORTISOLO. Ma forse non tutti sanno da dove proviene e quali sono le azioni che questo ha all’interno del nostro corpo.

Il Cortisolo

Il cortisolo, un corticosteroide endogeno, è un ormone prodotto dalla corteccia surrenale, una porzione presente all’estremità del rene. Questa parte molto importante è il sito di produzione di molteplici ormoni utili al funzionamento delle nostre funzioni vitali. Ma per semplificare il concetto ci soffermeremo sulla produzione del cortisolo.

Questo ormone ha molteplici funzioni molto positive, in realtà. Allora perché viene definito ormone dello stress? Partiamo dall’inizio: abbiamo detto che quest’ormone ha delle funzioni più che positive, addirittura salvavita. Il cortisolo risulta, infatti, essere l’ormone della fuga, cioè quell’ormone che ci pone in una situazione di allerta. Risultava infatti molto utile nell’era del paleolitico quando i primitivi andavano a caccia e dovevano difendersi dall’attacco di alcuni predatori.

Il cortisolo dunque contribuiva a rendere la persona più pronta e scattante davanti all’emergenze. Difatti esso contribuisce ad aumentare la frequenza cardiaca, ad utilizzare lo zucchero da parte dei nostri tessuti così da produrre più energia, ma non solo. Ha anche degli effetti antinfiammatori notevoli.

Tutti questi benefici sono tuttavia alla base dei suoi effetti nefasti. Nell’epoca moderna non è di certo necessario andare a caccia per approvvigionarsi di cibo, scappare dai predatori ecc…

Tuttavia la vita frenetica di oggi e molto spesso la mal gestione delle nostre risorse fisiche fa sì che questo ormone sia spesso prodotto in eccesso con tutte le conseguenze del caso.

Gli effetti del cortisolo

Quali sono quindi gli effetti negativi che l’eccessiva produzione di cortisolo causata dal nostro stile di vita frenetico porta al nostro organismo? Tra i primi effetti c’è l’eccessiva produzione di glucosio nel nostro corpo che automaticamente limita l’ossidazione ed il consumo dei nostri grassi, con il risultato di una difficoltà nel dimagrire o ancor peggio di ingrassare.

Inoltre, il suo effetto infiammatorio è un’arma a doppio taglio: un eccesso di cortisolo ha un effetto immunosoppressore, cioè abbassa le nostre difese immunitarie con il risultato di una maggiore vulnerabilità nei confronti dell’influenza e altre malattie.

A tutto questo si unisce lo stato d’animo della persona, con uno stato di poca lucidità mentale che la porta a rifugiarsi nei cibi più appaganti e consolatori.

Come contrastare stress ed effetti negativi del cortisolo

C’è una soluzione a tutto questo? Sì, esiste e sicuramente attraverso una sana alimentazione possiamo fare tanto. Un’alimentazione, per esempio, che prevede l’assunzione di carboidrati complessi, soprattutto al mattino quando c’è il picco massimo di cortisolo. I carboidrati, infatti, hanno la capacità di abbassare il cortisolo. Ma solo consigliati anche grassi di ottima qualità, derivati del pesce o frutta secca, e proteina di ottima qualità.

Un prezioso consiglio è inoltre quello di evitare cibi troppo zuccherini che non aiutano a controllare la glicemia già alterata da un eccesso di cortisolo.

Indispensabile infine l’attività fisica! Non serve fare sport estremi, basta anche solo una buona camminata per avere dei miglioramenti sin da subito, sia a livello fisico che mentale. Questo va bene per le prime fasi, per uscire dal tunnel dello stress senza controllo. Poi è consigliato seguire una attività fisica quotidiana e adatta alle nostre esigenze, andando a far lavorare i muscoli e sciogliere tutte le tensioni della vita moderna, metterci in forma e stare meglio con noi stessi.

 

Vuoi una piano alimentare personalizzato per le tue esigenze abbinato ai giusti esercizi fisici? Scopri il  nostro servizio Madjourney![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”full_width_background” full_screen_row_position=”middle” bg_image=”1025″ bg_position=”center center” bg_repeat=”no-repeat” parallax_bg=”true” parallax_bg_speed=”slow” scene_position=”center” text_color=”light” text_align=”left” top_padding=”40″ bottom_padding=”40″ overlay_strength=”0.3″][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default”][vc_text_separator title=”Contattaci per una consulenza o per qualsiasi informazione”]

[/vc_column][/vc_row]